Traduzione / Espressioni essenziali


Corso turco - Espressioni essenziali
Corso turco - Espressioni essenziali
www.loecsen.com

Italiano Turco
Buongiorno Günaydın - günaydoen
Buonasera Iyi akşamlar - iyi akchamlar
Arriverderci Allaha ısmarladık - allaha oesmarladoek
A dopo Görüşürüz - görüchürüz
Evet - evet
No Hayır - hayoer
Per favore! Lütfen - lütfen
Per favore Pardon - pardon
Grazie Teşekkür ederim - techekkür ederim
Grazie mille Çok teşekkürler! - tchok techekkürler
Grazie per il suo aiuto Yardımınız için teşekkürler - yardoemoenoez itchin techekkürler
Prego Bir şey değil - bir chey dewhil
Va bene Tamam - tamam
Quanto costa, per favore? Ne kadar ? - ne kadar
Mi scusi ! Üzgünüm - üzgünüm
Non ho capito Anlamıyorum - anlamoeyorum
Ho capito Anlıyorum - anloeyorum
Non so Bilmiyorum - bilmiyorum
Vietato Yasak - yasak
Dov'è il bagno per favore ? Afedersiniz tualetler nerede? - afedersiniz tualetler nerede
Buon anno! Yeni yılınız kutlu olsun! - yeni yoeloenoez kutlu olsun
Buon compleanno! Iyi ki doğdun! - iyi ki dowhdun
Buone feste! Iyi tatiller! - iyi tatiller
Congratulazioni! Tebrik ederim! - tebrik ederim




Come fare ad imparare il turco da solo? Muovi i primi passi con un semplice corso online gratuito!

Abbiamo adottato un approccio oggettivo ed efficiente per imparare a parlare un linguaggio in maniera semplice e veloce: ti suggeriamo di iniziare memorizzando parole, frasi ed espressioni di uso comune che potrai usare nella vita di tutti i giorni e che ti saranno utili in viaggio.
Abituarsi a pronunciare le parole ad alta voce, i numeri, ad esempio, è un esercizio semplice che puoi mettere in pratica spesso e in ogni momento della giornata. E ti aiuterà ad abituarti alle sonorità della lingua che hai scelto, rendendola a te più familiare.
E una volta che le tue vacanze hanno avuto inizio, e ti trovi ad Ankara, ad Istanbul o in qualsiasi altra località turca, sarai sorpreso di quanto ti sembrerà familiare e semplice da comprendere.
In più, utilizzare un dizionario tascabile è sempre utile, specialmente in viaggio. Ti consente di trovare la traduzione di nuove parole ed arricchire il tuo vocabolario.

Perché parlare turco in viaggio?

Un paese a cavallo fra oriente e occidente

All'incrocio fra le culture russa, mediterranea, balcanica e mediorientale, il territorio turco è di grande importanza negli scambi fra queste popolazioni, sia in ambito economico che religioso che culturale.
Tale posizione strategica ha favorito la presenza di una popolazione multietnica che ha reso possibile la ricchezza culturale e linguistica della Turchia tramite una mescolanza fra la cultura anatolica, ottomana, occidentale e oghuz. A cavallo fra tradizione e modernità, tale ricchezza si manifesta nella sontuosa architettura dei palazzi, dei mausolei e delle moschee, oltre che nella produzione letteraria, con autori quali Elif Safak e Orhan Pamuk (vincitore del Premio Nobel per la Letteratura nel 2006), nella finezza della sua musica, e nella varietà della sua cucina tipica, ricca di pasta, carne, pesce, verdura e dessert. Principalmente situata in Asia, questa regione è bagnata dal Mar Nero, dal Mar di Marmara, dall'Egeo e dal Mediterraneo. Il territorio turco è anche ricco di laghi, foreste e due importanti catene montuose.
Sebbene Ankara sia la capitale amministrativa della Turchia, è Istanbul, la sua città più grande, la capitale finanziaria, economica e culturale del paese.

Rendi un successo la tua visita in Turchia

Che tu voglia passare qualche giorno con gli amici per un viaggio di piacere o che tu stia partendo per un viaggio di lavoro, niente ti sarà più utile della conoscenza di alcune parole chiave nella lingua dei tuoi interlocutori, che apprezzeranno i tuoi sforzi e saranno perciò più disponibili nei tuoi confronti.

Come riuscire ad ottenere una buona pronuncia in una settimana o un mese?

Un alfabeto quasi fonetico

Il turco, lingua ufficiale di Turchia e Cipro, viene parlato da più di settanta milioni di persone.
Per imparare a pronunciare correttamente il turco, bisogna tenere presente che si tratta di una lingua agglutinativa che fa largo uso di suffissi. Malgrado il suo alfabeto sia quasi fonetico (viene dunque pronunciato così com'è scritto), con lettere che nella maggior parte dei casi corrispondono sempre allo stesso suono, questa lingua include un complesso sistema di armonia vocalica che organizza la profondità, l'arrotondamento e l'apertura delle vocali.

Ecco alcune linee guida per cominciare a studiare la corretta pronuncia di questa lingua:

La R è vibrata, come la R semplice spagnola.
La L è sempre velare, come in inglese.
La K viene pronunciata come in francese: è palatale prima di E, I, Ö e Ü.  La Ğ non viene mai pronunciata ed appare sempre dopo una vocale. Alla fine di una parola o prima di un'altra consonante, allunga la vocale che la precede.
In turco è necessario pronunciare tutte le lettere, dal momento che la congiunzione fra due lettere diverse non crea un nuovo suono.

Alfabeto turco con audio

Ti invitiamo ad ascoltare le corrette pronunce delle lettere cliccando i seguenti link: Alfabeto turco con audio.
9.8/10 (31 voti)

I tuoi commenti sono molto graditi

Mostra i commenti